A che ora è meglio bere una tazzina di caffè

A che ora è meglio bere una tazzina di caffè

Vi siete mai chiesti qual è l'orario migliore per bere una tazza di caffè? Sicuramente non il tardo pomeriggio se non vogliamo rischiare di perdere preziose ore di sonno ma neppure il mattino appena svegli, c'è una fascia oraria ben precisa in cui consumare la nostra amatissima tazzina di caffè se vogliamo che questa ci dia il giusto sprint per iniziare bene la giornata. E' l'orario che va dalle 9.30 alle 11.30 secondo le neuroscienze e la crono-farmacologia; queste scienze studiano gli effetti che i farmaci o le sostanze psicoattive hanno sul nostro organismo andando a modificare il nostro naturale orologio biologico. 

Ce lo spiega molto bene Stefen Miller, neuroscenziato e ricercatore all'University of the Health Sciences di Bethesda, Maryland (USA) nel suo blog personale: c'è una zona del nostro sistema nervoso centrale chiamata ipotalamo che regola tra le altre cose la produzione di alcuni ormoni, il ritmo sonno-veglia e il consumo di energia del nostro organismo; per favorire la necessità di svegliarsi e iniziare bene la giornata viene rilasciato un ormone: "il cortisolo" in grado di attivare il nostro sistema di allerta. Il picco nel nostro sangue avviene tra le 08.00 e le 09.00 del mattino quando la luce solare investe le nostre retine, per questi motivi l'ora ideale per bere caffè è tra le 09.30 e le 11.30. Anticipare o posticipare significherebbe andare a sovrapporre il rilascio naturale dell'ormone nel nostro organismo, quando c'è il nostro livello massimo di allerta, alla caffeina presente nel caffè dando non solo il rischio di diminuirne i benefici ma anche di creare assuefazione. 

Paragoniamolo ad un medicinale: uno dei principi fondamentali della farmacologia è assumerlo al bisogno, se non lo prendiamo quando è davvero necessario siamo in grado di sviluppare tolleranza a quel farmaco e il nostro organismo non riesce più a goderne dei benefici. In altre parole, la stessa tazza di caffè del mattino diventerà meno efficace se consumata prima delle 09.00 ma ci darà tutti i suoi benefici se la berremo tra le 09.30 e le 11.30 quando i livelli di cortisolo si abbasseranno di nuovo. 

Questo ormone naturalmente prodotto dal nostro corpo torna a circolare tra le 12.00 e le 13.00 quindi possiamo "salvare" il caffè del dopo pranzo e berci tranquillamente la nostra tazzina che ci aiuta tanto a proseguire la nostra attività lavorativa del primo pomeriggio e se ne sentiamo la necessità anche intorno alle 16.00 e le 16.30 perchè tra le 17.30 e le 18.30 abbiamo l'ultimo aiutino naturale del cortisolo che torna a circolare nel nostro sangue. 

Ogni tazzina di caffè espresso, che è quello che la maggior parte degli italiani consuma, contiene circa 90 mg di caffeina e il limite consigliato dalla European Food Safety Authority (Efsa), ovvero l'Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare è di circa 300/400 mg di caffeina quindi un individuo sano senza problemi di salute può bere tranquillamente 3-4 tazzine di caffè espresso al giorno. Sarebbe meglio non superare questo limite infatti un eccessivo apporto di caffeina può portare tremori, problemi cardio circolatori e respiratori, agitazione, vertigini e altri effetti collaterali indesiderati. 

Tra le altre cose la caffeina ha anche il potere di accellerare il metabolismo basale aiutando la perdita di peso durante una dieta sana ed equilibrata purchè si tenga conto anche del consumo di zucchero quindi 3/4 tazzine al giorno negli orari migliori non possono che dare benefici al nostro organismo.

Prova i Kit Assaggio

Kit Nespresso
40 capsule a 10 €
Kit Lavazza point
20 capsule a 5 €
Kit Nespresso
20 capsule a 5 €
Kit Lavazza a modo mio
20 capsule a 5 €
Seguici su: