Gli effetti benefici del caffè sull'intestino

Gli effetti benefici del caffè sull'intestino

La bevanda dal colore scuro ha ottenuto per molti anni solo commenti negativi, diventando esclusivamente utile per combattere il sonno e la stanchezza. Solo recentemente, molti studi scientifici hanno tolto al caffè la sua ipotetica pericolosità, così tanto diffusa. E al contrario hanno sottolineato gli effetti benefici del caffè anche sull'intestino.
Il caffè ha sorpreso un po' tutti dopo essere stato studiato a fondo e si è appreso che non è composto solo da caffeina, ma anche da tante altre sostanze, tra cui quelle bioattive. Queste ultime sono composte da alcaloidi stimolanti e da minerali, oltre a vitamine, antiossidanti e lipidi. Di conseguenza, i vari componenti del caffè agiscono tutti sull'organismo apportando dei risultati positivi. Allora si può affermare che alcune molecole del caffè fino ad ora trascurate, come il cafestolo, proteggono il fegato. E più specificatamente la secrezione ormonale viene alterata a livello gastrointestinale. Ma la scoperta più interessante e recente è stata quella che riguarda in un certo senso la dieta. In effetti il caffè diminuisce l'assorbimento del glucosio e lo sposta in una parte lontana dell'intestino, diminuendo in questo modo l'indice glicemico. Inoltre, il caffè stimola la digestione e anche la funzionalità del colon, proteggendolo. Alla fine, quel caffè preso dopo il pasto, che si consuma con piacere, serve incosapevolmente a tenere in salute l'organismo. Che sia decaffeinato o caffeinato, il caffè assunto a livello moderato non espone a nessun rischio, anzi diversamente esercita un'azione utile e protettiva; tranne forse per i disturbi gastrici. Comunque sia, è sempre bene un consulto medico; anche se una buona tazzina di caffè con una brioche al mattino non può far male a nessuno.

Prova i Kit Assaggio

Kit Nespresso
40 capsule a 10 €
Kit Nespresso
20 capsule a 5 €
Seguici su: