Il caffè e l'alzheimer

Secondo i ricercatori dell'università "Aldo Moro" di Bari l'assunzione di caffè aiuterebbe a prevenire il declino cognitivo e la demenza. La ricerca è stata effettuata su un campione di circa 1400 persone tra di età compresa tra i 65 e 84 anni. Dai risultati è emerso che un consumo regolare di caffè riduce il rischio di deterioramento cognitivo lieve, una condizione che precede l’insorgenza dei sintomi della malattia di Alzheimer e della demenza, rispetto a chi non lo beveva mai o lo faceva raramente. I ricercatori del'univrsità sottolineano le evidenze in linea con studi precedenti sugli effetti neuroprotettivi del caffè o del tè. La caffeina potrebbe aiutare a prevenire la malattia attraverso molteplici possibili meccanismi, ma tutto ciò è ancora da sperimentare.

Prova i Kit Assaggio

Kit Nespresso
40 capsule a 10 €
Kit Nespresso
20 capsule a 5 €
Seguici su: